Il 15 e 16 aprile SI VOTA presso l'Università degli Studi di Trieste, per eleggere i rappresentanti degli studenti nei Consigli di Dipartimento e negli Organi maggiori!

ORGANI MAGGIORI:                        

       


 
C.d.A. d'Ateneo
 
Comitato Universitario per lo Sport
 
Conferenza Regionale per il Diritto agli Studi Superiori
(Ex E.R.DI.S.U.)
  

Senato Accademico
 

































Funzioni dell'Organo
 
Al Consiglio di Amministrazione spettano il governo amministrativo e la gestione finanziaria ed economica - patrimoniale dell'Università. Tra le attribuzioni più significative possono annoverarsi:
    1. deliberare, sentito il parere del Senato Accademico e del Consiglio degli Studenti, il regolamento di Ateneo per l'amministrazione, la finanza e la contabilità; 
    2. approvare il bilancio di previsione e il conto consuntivo, sentito il Senato Accademico; 
    3. approvare le variazioni di bilancio; 
    4. determinare, su proposta del Senato Accademico, i criteri per la ripartizione del personale tecnico - amministrativo, delle risorse finanziare e degli spazi tra le strutture scientifiche, didattiche e di servizio; 
    5. deliberare i programmi edilizi dell'Ateneo ed i relativi interventi attuativi, sentito il Senato Accademico; 
    6. adottare, su proposta del Senato Accademico, sentito il parere del Consiglio degli studenti, i provvedimenti relativi alle contribuzioni a carico degli studenti;
    7. approvare le convenzioni ed i contratti di sua competenza. 
 
Il Comitato per lo sport universitario sovraintende ai programmi di sviluppo delle attività 
sportive e agli indirizzi di gestione degli impianti sportivi.
 
La Conferenza Regionale per il Diritto agli Studi Superiori è un organo consultivo dell'Agenzia Regionale per il Diritto agli Studi Superiori.
L'Agenzia per il Diritto agli Studi Superiori( Ex E.R.DI.S.U. ) ha il compito di coordinare le varie forme di assistenza, preferibilmente sotto forma di servizi, sia individuale che collettiva in favore degli studenti universitari nel quadro della realizzazione del diritto allo studio, ai sensi dell'art. 34 della Costituzione e quindi:
    1. l'attribuzione dell'assegno di studio universitario in denaro e in servizi, ed espletamento del relativo concorso secondo le norme vigenti; 
    2. l'istituzione e gestione, di regola diretta, di strutture abitative (alloggi, case dello studente, collegi) e di mense per gli studenti. 
    3. l'istituzione di borse di studio da attribuire mediante concorso
 
il Senato Accademico:
    • determina la distribuzione tra i Dipartimenti dei posti di personale docente e ricercatore attribuiti all'Ateneo; 
    • esprime proposte al Consiglio di Amministrazione in merito ai criteri relativi alla ripartizione del personale tecnico - amministrativo, degli spazi e delle risorse finanziarie tra le strutture scientifiche, didattiche e di servizio ed in merito all'ammontare delle tasse e contributi degli studenti; 
    • esprime parere obbligatorio sul bilancio di previsione dell'Università; 
    • approva l'attivazione e la disattivazione delle strutture didattiche e scientifiche
    • assume le necessarie iniziative per dare concreta attuazione all'orientamento ed al tutorato degli studenti. 
 Candidati 1) Francesco Baron

 2) Ludovica Buri
  1) Fabrizio Testa

  2) Costanza Pesaro
 1) Mauro Zuccolo

 2) Federica Esposito
 1) Ivo Gherbassi

 2) Sara Bucciarelli

 3) Fabrizio Testa
 Programma
Didattica:

       - Proporre misure per promuovere l’applicazione dei regolamenti in materia di numero di appelli, programmazione delle lezioni e presentazione dei programmi, in modo da ridurre la possibilità dei professori di ignorare tali regole.

       - Aumentare il numero di corsi di laurea che prevedono l’immatricolazione part-time, in modo da permettere a coloro che lavorando necessitano di più tempo per la laurea di non finire fuoricorso.

Trasparenza:

       - Ci adopereremo per rendere obbligatoria la pubblicazione delle valutazioni della didattica in modo da evidenziare quali corsi presentino criticità segnalate ma non risolte. 

       - Garantiremo inoltre un’adeguata comunicazione delle decisioni prese nel consiglio d’amministrazione a tutti gli studenti, sia tramite gli strumenti di lista che tramite giornali e radio universitarie.

Edilizia:

       - Vigileremo al fine di garantire una buona gestione dei nuovi spazi nell’ex ospedale militare e un buon utilizzo del castelletto di biologia, in via di ristrutturazione.

       - Ristrutturare gli edifici che ne hanno bisogno e mantenere aggiornati i laboratori per i corsi che li prevedono, cercando di ottimizzare le sedi didattiche senza però perdere servizi agli studenti.

        - Individuare i fondi per portare il Wi-Fi a tutte le sedi che ancora non lo prevedono.

Servizi:

         - Ci faremo promotori di una richiesta di ristrutturazione e innovazione del sito d’ateneo e di quello dei dipartimenti per renderli aderenti alle necessità degli studenti, aggiornando contestualmente il sistema esse3 per renderlo più efficiente e semplice nell’utilizzo. Questo se possibile con bandi di collaborazione con le risorse interne, sia studentesche (come tirocini) che nel personale docente.

Fondi:

       - Rendere obbligatorio il parere consultivo degli studenti in merito all'utilizzo dei fondi assegnati ai dipartimenti per le attività studentesche, in modo da indirizzare le risorse per le attività e i problemi più sentiti dagli interessati e non farli defluire nel bilancio ordinario.

Relazioni Esterne:

       - Proporremo maggiori collaborazioni con le rappresentanze studentesche dell’università di Udine, per una gestione migliore delle problematiche comuni e per la gestione dei corsi interateneo.

       Inoltre è auspicabile una maggiore integrazione con le realtà locali di ricerca e industria, sia per i tirocini formativi che per l’inserimento post-laurea. 



 
- Istituire tornei di calcio a 6 o 7 femminile

 - Attivarsi su i tornei di calcio a 7 interdipartimentali

 - Introdurre nuove attività sportive: rugby, equitazione pallamano e bocce

 - Porsi l'obiettivo di aumentare le uscite sciistiche

-prolungare l'apertura della palestra di via Monte Cengio fino a tutto il mese di giugno

- Conclusione di accordi con la rappresentanza studentesca dell'Università degli Studi di Udine e relativa Agenzia per il Diritto agli Studi Superiori( Ex E.R.DI.S.U. di Udine ) finalizzati ad una gestione efficace ed efficiente dei servizi relativi al diritto allo studio( Borse di Studio, Servizio mensa, Alloggi ) per ridurre al tempo stesso eventuali conflitti ed evitare difformità di trattamento nell'erogazione dei servizi agli studenti dell'Università degli Studi di Trieste e dell'Università degli Studi di Udine.

- Maggiore collaborazione con la rappresentanza studentesca delle Case dello Studente di Trieste e Gorizia al fine di garantire agli studenti una tutela effettiva.

- Maggiori controlli sulla qualità del servizio ristorazione e migliore gestione del servizio per le sedi decentrate( Cattinara, Valmaura, Gorizia ) aumentando i punti di ristoro convenzionati nonché adeguamento del servizio di ristorazione alle esigenze dell'utenza.

- Attento monitoraggio sul procedimento di formazione dei bandi di concorso per i benefici del diritto allo studio( mense, borse di studio, alloggi ) finalizzato alla tutela degli studenti.


- Garantire equità e sviluppo nella ripartizione dei fondi dipartimentali e di Ateneo, votando a sostegno degli studenti, nel rispetto dello Statuto, e formulando nuove proposte a seconda delle richieste e della necessità degli studenti rappresentati;

- Introdurre, sul modello di altri atenei presenti in Italia ed in Europa, un Libretto Elettronico con Smart Card e di una Tessera Studenti Europea

- Incentivare gli scambi internazionali per tirocini, stages, progetti ed Erasmus, intensificando i già numerosi scambi con università straniere, europee e non;

- Garantire un'equa ripartizione, nel rispetto delle necessità di tutti, dei singoli  corsi di studio all'interno dei dipartimenti, e dei relativi docenti e ricercatori, al fine di riuscire ad incontrare il bisogno degli studenti insieme a quello di docenti e ricercatori;

- Impegnarsi a garantire strutture, strumenti e servizi adeguati alle necessità degli studenti, rimediando ai malfunzionamenti e proponendo, a seconda delle necessità, l'installazione o la restrutturazione di strumenti e strutture.



DIPARTIMENTI:

Ai sensi dell'art. 24 dello Statuto dell'Università degli Studi di Trieste, 

1) i Dipartimenti programmano, organizzano e coordinano le attività di ricerca e l’offerta formativa finalizzata al conferimento dei titoli accademici previsti dalle norme sull'ordinamento didattico, nel rispetto della libertà e autonomia di ricerca e di insegnamento. Svolgono, inoltre, le attività rivolte all'esterno, correlate e accessorie alle attività di ricerca e di didattica, nonché quelle di alta formazione, ricerca e consulenza previste da contratti e convenzioni di loro competenza.


2)  I dipartimenti sono centri di responsabilità dotati di autonomia gestionale e di un proprio budget, in coerenza con i principi del bilancio unico di Ateneo. Pongono in essere atti di rilevanza esterna, se non espressamente riservati ad altri organi dell'Università, potendo, nell'ambito delle proprie competenze e disponibilità finanziarie, impegnare l’Università.


3)  Nell'espletamento delle proprie funzioni, si avvalgono del personale tecnico-amministrativo, delle risorse finanziarie e degli spazi loro assegnati.


Sono organi del dipartimento: il direttore; il consiglio; la giunta; la commissione paritetica docenti-studenti.


Per conoscere il programma e i candidati di un Consiglio di Dipartimento seleziona il Dipartimento di tuo interesse: